domenica 20 giugno 2010

60° Post - Previsione di un Biologo.

Un saluto a chi mi legge e buone riflessioni.


Riporto un estratto di un Articolo del 20/06/2010 ricavato dal sito :
http://www.vip.it/esseri-umani-estinti-entro-cento-anni         
(by admin)

"Esseri umani estinti entro cento anni"
La catastrofica previsione del biologo Frank Fenner.
Cause, esplosione demografica e consumi fuori controllo.

La razza umana si estinguerà nel giro dei prossimi cento anni e così pure un sacco di specie animali. A dirlo è nientemeno che Frank Fenner, 95enne professore di microbiologia dell'Australian National University, ma soprattutto lo scienziato che ha contribuito a debellare il vaiolo. Stando all'eminente cattedratico, a far precipitare gli eventi saranno l'esplosione demografica e i consumi fuori controllo, due fattori ai quali gli uomini non riusciranno a sopravvivere, mentre a dare inizio alla caduta sarebbero stati i cambiamenti climatici.
"L'homo sapiens sarà estinto probabilmente nei prossimi 100 anni - (l'articolo continua).
Riflessione:
Quanto viene espresso dal Sig. Frank Fenner non stà a me poterlo giudicare scientificamente non avendone il sottoscritto i requisiti necessari, ma una personale riflessione da semplice essere umano di questo Mondo voglio comunque farla: questo allarmante "pensiero" espresso dal Sig. Frank Fenner determina importanti reazioni e riflessioni e a quanto mi è dato comprendere dall'articolo, la causa di questo "probabile disfacimento" della razza umana dovrebbe essere imputato all'Uomo stesso e soprattutto a quanto l'Uomo stà "esprimendo" negli ultimi cinquanta  anni (esplosione demografica, consumi fuori controllo). Quindi sempre nell'articolo si fà riferimento all'homo sapiens ed alla sua probabile estinzione.
Ora, secondo le ricerche e le teorie in nostro possesso, si ritiene in Ambienti accademici e scientifici, che la comparsa dell'homo sapiens, sia avvenuta sul Pianeta più o meno circa duecentomila anni fà, pur non conoscendone tutt'ora le cause che avrebbero determinato tale comparsa. E' da quel momento iniziale, che sarebbe avvenuta gradatamente una vera e propria "rivoluzione" per la storia dell'Uomo. Le "nuove capacità intellettive" iniziarono ad esprimere nuove possibilità creative, dando in sostanza "l'avvio" alla evoluzione culturale umana e quindi alla sua Storia.
Credo allora, stando così le cose, che la nostra Attenzione dovrebbe essere  orientata verso il momento iniziale, sulla "causa" che avrebbe determinato quella sostanziale svolta evolutiva e soprattutto sul suo "ragionevole significato". 
I risultati che oggi sperimentiamo nel "nostro"  Mondo (al di là delle più o meno catastrofiche previsioni del suo Futuro) ritengo abbiano cause antiche. 
In tutto l'arco del tempo storico dell'homo sapiens la "spinta al progresso" non si è mai arrestata, pur con le differenze espresse nelle varie Epoche e ritengo quindi che "tale spinta" fosse presente già in potenza in quel misterioso attimo in cui l'homo sapiens ebbe consapevolezza delle proprie capacità-possibilità. Credo quindi che il Progresso sia inscritto nel dna dell'homo sapiens e ritengo che Coloro che nè hanno le capacità dovrebbero investigare con "mente aperta" sulla Ragione della Presenza delle Possibilità Creative ed Intellettive dell'homo sapiens e così poter comunicare a "tutti" gli esseri umani un Messaggio più propositivo sul proprio Futuro.

Cordialmente
Sopangi.

Nessun commento:

Posta un commento