martedì 16 febbraio 2010

14° Post - Alè Viola

Un saluto Viola a chi mi legge.







                                                  Una pennellata di Viola

In questi Canti, dove mi esprimo in fiorentino, mi firmo " i Noce " è un soprannome che mi fu dato quando ero studente e che mi ricorda momenti gioiosi della mia vita, vuole essere un piccolo omaggio a chi ( immì babbo ) mi ha trasmesso il Sentimento per la nostra squadra del Cuore  "La Fiorentina".

                                i Noce                                  
son di Firenze e canto...

Un giorno di Gennaio di 66 anni fa
io nacqui nella Terra che di Fiorenza era già,
ricevetti d'un sol botto, storia, vita ed allegria,
i Carattere Toscano già viveva per la via,
naturale allora è, che immì Cuore sia Viola,
io difendo i Sentimento che in Tanti e ci accomuna,
con canti e grida per una Squadra sola...
la Viola.

i Noce
son di Firenze e canto...

come l'acqua che la bolle ellè pronta per la pasta,
così lo Stadio dell'Artemio ellè Cuore pell'Artista,
i Colore un si confonde i Viola è sempre quello
come volo di Gabbiano planerò co immì Vessillo,
alte Grida, Voci, Cori,
Vinci o Viola e sia tripudio di colori.

i Noce
son di Firenze e canto...

Voglio andare ancor di rima ellè un modo fiorentino...
la Viola de mi sogni ellè nella mente di Destino,
o Giovanni che di Firenze sei i Patrono,
fai risvegliare immì Sogno nella mente di Costoro,
così che finalmente la Viola dimmì Cuore pigli i volo.

i Noce
son di Firenze e canto...

Lo Sport è sentimento sincero, è misura, è incontro...
vorrei allora poter dire a chi le Regole le deve fare...
ogni Colore gioca con l'Altro perchè il meglio sia palese,
serve a i Cuore, s'impara ad Amare,
ecco perchè non si può favorir nessuno,
niente soprusi, ma Giuste pretese.

i Noce
son di Firenze canto...

Qualche ora e siamo lì
e l'aspettavo da quiddì,
noi siam fatti di passione
i nostri Cori son canzone,
saluti e abbracci per la via
dimorto Viola e così sia.

i Noce
son di Firenze e canto...

Non sorprenderti ed osserva,
i Colore non si cambia,
i Cuor della Viola batte, pulsa e mai si stanca,
la Magia della Vita è disegno, riso, pianto,
siam briahi di Viola ora e sempre
e se ci vole, un po' di rosso e un po' di bianco.

i Noce
son di Firenze e canto...

Pan bagnato e ben strizzato
cipolla e olio nòvo,
l'han chiamata Panzanella, piatto povero, ma bòno
per la Fiore batte i Cuore
i Sentimento un si tradisce,
canterò, esulterò
l'amor per la Viola si capisce.

i Noce
son di Firenze e canto...

me l'ha detto anche i Failli
e un siam miha de birilli,
l'entusiasmo è cosa sana
se la Forza è nella tana,
l'equilibrio da Valore,
occhio a i prossimo
e vai co' i Cuore.

i Noce
son di Firenze e canto...

Con cuore ed allegria
Vi saluto e vado via,
il Colore un si confonde la Viola è sempre quella,
nonostante gli alti e i bassi...
i nostro Ardore un sì cancella.


Cordialità
Sopangi  alias  " i Noce "



Nessun commento:

Posta un commento