sabato 13 febbraio 2010

12° Post - Costruzioni Ideali : I° parte

Un saluto a chi mi legge.

 

La questione che  voglio sottoporre all'attenzione è la seguente:
molte delle costruzioni ideali, pensate e attuate nel tempo dall'Uomo, penso alle correnti di pensiero atte a comprendere il "mistero dell'universo" o della stessa vita dell'uomo e che hanno modificato e determinato la vita sociale degli esseri umani (e non solo) sono risultate poi soggette secondo le nuove conoscenze di volta in volta acquisite a sostanziali modifiche.

Allora la mia domanda  è : perchè l'Uomo afferma come "vere" alcune delle sue costruzioni ideali  condizionando e qualche volta obbligando a determinati comportamenti   il vivere comune in conseguenza di quelle affermazioni di " verità" se poi le nuove conoscenze modificano quanto ha "erroneamente" creduto vero?

Quale significato ragionevole possiamo cogliere in tutte le contradizioni che la Storia umana ha espresso ed esprime nelle sue "forme ideali evolutive"?



Cordialità
Sopangi. 
 

Nessun commento:

Posta un commento